Skip to content
Site Tools
Increase font size Decrease font size Default font size
You are here: Home arrow Notizie arrow Ultime arrow Modifiche Codice Ambiente
Modifiche Codice Ambiente PDF Stampa E-mail
Il secondo decreto correttivo al codice dell'ambiente è stato emanato con il decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 pubblicato sul supplemento ordinario n. 24 alla gazzetta ufficiale n. 24 del 29 gennaio scorso e che lo stesso contiene importanti modifiche al codice; modifiche che entreranno in vigore il 13 febbraio prossimo.

Le modifiche interessano:
  • VIA e VAS
  • Terre e rocce da scavo
Per quanto concerne la VIA (Valutazione impatto ambientale) e la VAS (Valutazione ambientale strategica) vengono escluse dall'ambito di applicazione delle nuove disposizioni le procedure avviate precedentemente all'entrata in vigore del decreto che, pertanto, dovranno essere concluse ai sensi delle norme vigenti al momento dell'avvio del procedimento.

Le norme del d.lgs. n. 4/2008 sostituiscono, integralmente, la precedente disciplina anche se non sembra che ci sia una radicale variazione ricordano, però, che sono state inserite una serie di disposizioni volte ad assicurare il coordinamento tra la diverse autorizzazioni ambientali nonché la semplificazione dei procedimenti prevedendo anche la possibilità che le amministrazioni procedenti stipulino a tal fine appositi accordi.
Per quanto riguarda i piani, programmi e progetti di competenza regionale viene previsto che le regioni , entro dodici mesi dall'entrata in vigore del d.lgs. n. 4/2008 e, quindi entro il 13 febbraio 2009, dovranno adeguare le proprie normative.
Alle regioni stesse è, però, riconosciuta un'ampia discrezionalità nel definire ulteriori modalità, rispetto a quelle previste nel decreto in riferimento:
  • all'individuazione di piani, programmi e progetti da sottoporre a VIA o VAS;
  • per la determinazione di criteri di esclusione dalla VIA per specifiche categorie progettuali;
  • per lo svolgimento delle consultazioni;
  • per le modalità di partecipazione delle regioni confinanti eventualmente coinvolte dall'attuazione del piano;
  • per l'individuazione dei soggetti competenti in materia.
Per qunato concerne le Terre e Rocce da scavo evidenziamo che i progetti di riutilizzo in essere alla data del 13 febbraio 2008 dovranno essere adeguati alla nuova normativa entro i successivi 90 giorni.
In tale periodo le attività potranno continuare e le eventuali modifiche dovranno essere richieste dall`autorità nel termine di 60 giorni.
Vengono, poi, introdotte importanti modifiche alla disciplina relativa alla gestione delle terre e rocce da scavo ed, in particolare, viene ammesso lo stoccaggio sino a tre anni in caso di opere soggette a VIA ed il nuovo articolo 186 consente, inoltre, il riutilizzo in altro ciclo produttivo, purché in presenza di determinate condizioni.

A cura di
Paolo Oreto
Aggiungi ai preferiti (382) | Copia sul tuo sito

  Nessun commento
RSS commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.

 
< Prec.   Pros. >

Convegni e corsi

Nessun evento

Calendario eventi

« < Dicembre 2017 > »
Do Lu Ma Me Gi Ve Do
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Syndication


LA DIFESA DEL SUOLO.

Strumento per  la competitività e la crescita del territorio e non vincolo allo sviluppo.